Interviste, Rassegna Stampa

Barbara su Il Corriere della Sera

Barbara d’Urso: «Ricomincio dai politici La mia casa è aperta a tutti»

Entra la mattina presto a Cologno Monzese, negli studi Mediaset, e ne esce la sera. Sette giorni su sette. Barbara d’Urso, forma fisica invidiabile, macina programmi, dirette, ascolti. «Soldatino», come ama definirsi. Se l’azienda chiama, lei risponde (sempre sì). In molti le fanno la guerra, dentro e fuori. Ma lei, Carmelita, non fa una piega. Anzi rilancia. Numerose le polemiche quando ospitò Silvio Berlusconi a «Domenica Live » su Canale 5 (il Cavaliere lì annuncio a Barbarella di essere fidanzato con Francesca Pascale): e lei che fa? «Rivendico quell’intervista, la rifarei al volo. Non solo — continua — spero che Berlusconi torni in trasmissione». Per questo d’Urso ha deciso: «Da oggi riprenderò le mie interviste politiche che andavano benissimo. Cerco di tirare fuori dai politici la parte che la gente non conosce. Penso a tutti quelli che sono venuti da me: Renzi, Enrico Letta, Casini, Brunetta, Rutelli, Veltroni. Sono andati via tutti strafelici perché si sentivano a proprio agio. Per questo tornerò a farle». Oggi ricomincia da Claudio Scajola. Perché? «Perché è di grande attualità, per tutta la settimana è stato sui giornali». E cosa cercherà di tirare fuori a Scajola? «Mi interesserà far capire alla gente dov’è la verità. Nell’immaginario lui è visto come colpevole, ma è stato assolto. Si racconterà. La gente a casa giudicherà». Chi vorrebbe avere? «Ancora Renzi. E le nuove politiche, come la Moretti che è venuta tante volte opinionista nei miei talk politici». Grillo? «Magari! Non viene da me, anzi non va da nessuno». Non dica che vorrebbe anche Alfano… «La mia casa è aperta a tutti, se lui volesse mi farebbe piacere». Timore reverenziale per qualcuno? «Rispetto per tutti i politici». Continua dunque la sua maratona da sola, senza vallette, partner, compagni, in una lunga domenica dove nella prima parte perde contro la corazzata de «L’Arena» di Massimo Giletti, pressoché imbattibile; ma poi dopo le 16.30 recupera e vince praticamente sempre contro la «Domenica In» di Mara Venier, peraltro una delle poche donne della televisione con cui Barbara va d’accordo («Con Mara ci conosciamo da 30 anni, abbiamo stima reciproca, ci sentiamo al telefono »). L’ ultima puntata di «Domenica Live» ha raggiunto il 18% (di share) di ascolto. Ascolti alti e grandi polemiche per gli argomenti troppo hot di domenica 19 gennaio. d’Urso venerdì alle «Invasioni barbariche» da Daria Bignardi ha ribadito le sue scuse per quello scivolone e ha spiegato: «È successo una sola volta in 300 ore di diretta». E da domani la squadra del programma si arricchisce di una personalità televisiva di grande e lunga esperienza: Daniel Toaff. Già inventore de «La vita in diretta», autore pure di «Domenica In» e molto altro: praticamente una vita in Rai, molto spesso contro Barbara d’Urso (battendola). E ora? «Ora viene da noi. È un numero uno. La direzione di Videonews da mesi lo corteggiava, e viceversa. Così ora che si è lasciato con la Rai viene da noi. Sono felice, è un cavallo di razza, un uomo che fa tv da sempre». Pure d’Urso non scherza visto che fa tv da quando aveva 18 anni. Oggi ne ha 56, i conti sono presto fatti. E non accenna a staccarsene, anzi. Più è in onda, meglio è. Il pomeriggio di Canale 5 funziona ottimamente, nonostante budget ridotti. C’è una squadra forte, di persone di talento, che supporta Barbara nelle dirette quotidiane. Che battono la concorrenza di «La vita in diretta». Spieghi perché Barbara: «Siamo veloci, trattiamo molti temi, io non sto a fare salotto 45 minuti sullo stesso argomento. C’è molto ritmo, ma c’è anche gioia, solarità. Conosco una per una le persone che mi guardano il pomeriggio a casa. È come se io parlassi loro davvero. Sono una loro amica ». Instancabile davvero. Ma ha paura di non essere più in tv? «No, perché sono così giovane… Perché dovrei temere di non essere più in video? Devo ancora presentare Sanremo». Lo guarda? «Guardo poco la televisione perché sono sempre in onda. Ma con un occhio controllo tutto… La sera però cerco di fare altro. Libri, amici, cinema, teatro». Barbara dorme pochissime ore («il mio cervello non stacca mai»), è single, twitta molto e ha 450 mila followers. Le vacanze di Natale le ha passate a Londra. Dice di essere stata bene, di aver riscoperto che si può passeggiare e tenere staccato il cellulare. Ma nessuno le crede.

Intervista di Maria Volpe
02.02.14

Corriere020214

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...