Hanno Detto… – Più forti di prima

 Più forti di prima è un libro che può essere d’insegnamento a molti, che può aiutare chi in qualche modo si riconosce in una di queste tante donne, ma non è solo per il gentil sesso, offre una chiave di lettura per tutti, anche per gli uomini. Per chi di questi ha sofferto e per chi ha procurato sofferenza. Offre spunti di meditazione, riflessione profonda ed in tanto dolore il trionfo della positività. Queste donne si sono rialzate e nella vita ora sono causa e non effetto. Così come l’autrice che da tempo ormai è lei a tenere in mano le briglie della sua vita, dove oltre ad aver saputo costruirsi una carriera di tutto rispetto, si è creata anche un privato fatto di due grandi amori: i suoi figli, dove ogni giorno si dona con tutto l’amore indiscusso di una madre, quello che a lei è stato negato prematuramente. (Alessandra Giorda, Paperblog)

 Forse perché ha perso la madre quando era molto piccola, a 11 anni, forse perché nel suo “Pomeriggio 5” si trova sempre a contatto con donne dalle vite difficili, forse perché ha cresciuto da sola i suoi due figlio o forse perché, lei stessa, si sente una donna ferita. Per tutti questi motivi Barbara D’Urso è molto sensibile all’universo femminile e ai piccoli grandi abusi che il sesso debole subisce quotidianamente, così quest’estate ha preso carta e penna e ha scritto un libro su di loro. (Alessandra Menzani, Libero)

 Come tutti quelli che hanno passato la vita a mettersi a misura una corazza, la D’Urso offre punti d’attacco inaspettati, presta minuscole porzioni di fianco in zone impensabili. Un pezzetto d’acciaio che si è scalfito per usura, un lembo d’anima che è rimasto imprudentemente scoperto. Vai a capire cosa fa tremare il labbro, a un granitico… La storia di una donna che le somiglia più di quanto sia evidente, il racconto di un dolore che ha più a che fare coi suoi tormenti di quanto ce lo possiamo immaginare noi. Se Barbara non avesse dovuto (anche) guadagnarsi la vita a unghiate, oggi non sarebbe la D’Urso: maratoneta dell’ammiraglia Mediaset, signora della Domenica, del Pomeriggio e, a breve, della prima serata di Canale 5. Se Barbara non avesse dentro (anche) quel nocciolo, se non avesse (anche), quel lembo morbido scoperto, oggi non avrebbe raccolto in un libro l’intima epopea di tante sconosciute eroine. Maltrattamenti, ingiustizie, abusi, lutti e «malamori»: di questo «parla» il suo primo libro. Di questo e del riscattato, per nulla scontato, di un lieto fine. Storie e donne di tutti i generi. Come quelle a cui parla la D’Urso ogni giorno. Perché se c’è una cosa che ha imparato a furia di unghiate, di trasferte, di ore di diretta e di anni di tv è che, per arrivare a tutti, ogni tanto bisogna profumarsi di sugo e ogni tanto bisogna profumarsi di Chanel, ogni tanto si può intervistare Francesco Rutelli, e ogni tanto si deve aprire le telecamere alla signora Carmela. (Valeria Braghieri, Il Giornale)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...